Vivere ecosostenibile al 100%? È possibile!

Uno stile di vita autosufficiente ed ecosostenibile, senza sprechi, straordinariamente efficiente dal punto di vista energetico e con tutti i comfort del mondo moderno. Può sembrare un ideale difficile da raggiungere, a tratti impossibile, ma c’è chi si sta impegnando attivamente a collaudare questo tipo di vita eco-sostenibile. Di seguito, abbiamo raccolto i tre esempi più significativi a cui ispirarsi.    

ReGen Villages

Ad Almere, un comune che dista circa 20 minuti da Amsterdam, si sta pianificando da ormai qualche anno la realizzazione di un villaggio interamente autosufficiente ed ecosostenibile; stando alle ultime notizie, la costruzione delle prime case dovrebbe avere inizio nel 2019. Questo villaggio, che sarà costituito da circa 100 case, è stato concepito dall’imprenditore tecnologico James Elrich come nucleo interamente autosufficiente, in grado di garantire la propria produzione alimentare ricorrendo ad alcune tra le più innovative tecniche di coltivazione degli orti urbani, tra cui l’acquaponica e l’aeroponica. Si opterà per fonti di energia rinnovabili, tra cui l’energia biotermica, solare, eolica e da biomasse. I pochi ad essersi aggiudicati la futura residenza in questo fantastico eco-villaggio devono ritenersi fortunati poiché, finora, hanno fatto domanda oltre 3100 famiglie. Ma non datevi per vinti, se questo progetto andrà in porto, molti altri ReGen Villages lo seguiranno, spuntando come funghi in tutta Europa e nel resto del mondo.   
http://www.regenvillages.com/

Tiny Houses

A meno che non abbiate vissuto in una caverna, avrete sicuramente sentito parlare del movimento architettonico delle tiny houses, delle ‘mini-case’ di legno costruite da zero e solitamente immerse nel verde, in prossimità di una qualche foresta, che promuovono uno stile di vita semplice e tranquillo. Suona bene, no? Meno cianfrusaglie a cui pensare, stando a diretto contatto con la natura. Ma cosa rende queste tiny houses ecosostenibili? Innanzitutto, quasi tutte vengono costruite utilizzando materiali riciclati e consumano molta meno energia, praticamente nulla rispetto ai consueti standard di una casa unifamiliare. Essendo così piccole, poi, chi vi abita è costretto a sbarazzarsi di tutto ciò che non è strettamente necessario ed è meno tentato a comprare beni inutili, riducendo così gli sprechi. Infine, molte tiny houses, proprio grazie alla loro ubicazione remota, sono già di per sé ecosostenibili in termini di consumi energetici e gestione dei rifiuti. Se pensate di essere pronti ad accettare la sfida, informatevi sul movimento delle tiny houses nel vostro per scoprire come costruirne una tutta per voi.
https://www.tinyhousenederland.nl/

CHIBB Rotterdam

La Concept House situata nel quartiere Heijplaat di Rotterdam è stata ideata e realizzata dal centro d’innovazione architettonica SUS Ateliers, facente parte del dipartimento per lo sviluppo edilizio sostenibile dell’Università di Rotterdam (Sustainable Building Department), il cui obiettivo è quello di progettare abitazioni innovative ecosostenibili ed insegnare agli studenti come concepire le città del futuro. Dall’esterno la Concept House assomiglia a una serra, ma all’interno è una residenza familiare in tutto e per tutto. Dal 2015 fino all’estate del 2018, la stilista Helly Scholten ha vissuto in questa casa-serra insieme alla sua famiglia per testarne il concetto e collaudarne l’esecuzione. La casa è realizzata in legno e vetro riciclati, è provvista di un orto urbano sul tetto e, grazie alla miriade di piante sia al suo interno che all’esterno, l’aria fresca non manca mai. Oltre a fungere da terreno sperimentale per un abitare sostenibile, questa casa è assolutamente mozzafiato! Potete trovarne delle fantastiche foto sul profilo Instagram di Helly.   
https://www.instagram.com/greenhouse_living/?hl=en